Consumi in crescita, l’Italia esce dal letargo

Pubblicato il 17 settembre 2015
Condividi

commercio al dettaglioDopo un lungo letargo, si risvegliano i consumi. Il termometro che ne determina la misura fattiva va individuato nei cosiddetti pallet: i classici bancali in legno pronti ad essere sollevati e spostati qua e là per magazzini e depositi da muletti e carrelli elevatori. Il trend si rivela positivo per i mutui, i trasporti (ripresa del mercato dell’auto) e i robot, quale espressione della domotica industriale.
A dare man forte a chi crede nella ripresa è soprattutto la grande distribuzione, di qualsivoglia tipo essa sia, i grandi centri commerciali a imprinting marcatamente alimentare, le imprese di stoccaggio e produzione di beni venduti in stock o in considerevoli quantità quali macchine utensili, piastrelle e materiali edili, componentistica, abbigliamento su larga scala.

Perché i pallet? Nel primo semestre del corrente anno i bancali destinati al mercato italiano sono aumentati di quasi il 16%: il che si traduce numericamente in oltre mezzo milione di unità, dato che non si registrava dal 2012.

A latitare in termini di ripresa è il commercio al dettaglio: i piccoli esercizi commerciali spengono le insegne depauperando i quartieri e aumentando così la mancanza di sicurezza negli stessi a favore del dilagare di fenomeni crescenti di microcriminalità; con il conseguente deprezzarsi di mobili e locali commerciali, già gravati da una svalutazione persistente e senza precedenti.

Per fortuna a dare aiuto e slancio produttivo a questo settore di mercato c’è il corporate barter di VisioTrade. Il sistema di moneta complementare ideato dall’Ing. Bilucaglia si sposa perfettamente con i piccoli esercizi commerciali, strumento eccezionale per far risparmiare liquidità e far incrementare il fatturato grazie alle potenzialità inespresse. Tavoli vuoti, stanze non prenotate, stock di magazzino e dipendenti non pienamente occupati diventano generatori di credito commerciale da utilizzare con altri membri del network, garantendo nuovo slancio alle imprese, di ogni dimensione esse siano.

Un commento

  1. Pingback: Risparmi stabili e investimenti in lieve ripresa - VisioBlog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *