Il baratto aziendale: una soluzione per i liberi professionisti?

Pubblicato il 11 aprile 2014
Condividi

Ieri, a Palazzo Capris a Torino, si è svolto l’atteso convegno sul tema della moneta complementare e del baratto aziendale con Avvocati e Commercialisti: un momento importante per avvicinare i liberi professionisti a questa nuova realtà.
L’Associazione Giovani Avvocati di Torino (A.G.A.T) e L’ Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino (U.G.D.C.E.C) hanno richiesto la partecipazione di VisioTrade e del suo Presidente Cristiano Bilucaglia per intervenire sul tema del Corporate Barter al fine di portare la sua esperienza ed avvicinare la platea a questa forma di business.
Nella discussione si sono alternati stimati professionisti, a partire dall’Avvocato Luca Negrini che ha inquadrato il concetto di baratto ed ha illustrato come ci sia la possibilità anche per un professionista di parteciparvi al fine di ottenere un credito da poter utilizzare in un secondo momento citando il concetto di permuta come ipotesi di baratto bilaterale.
Successivamente il Dottore Commercialista Fabio Valente ha spiegato in maniera dettagliata gli aspetti fiscali e ha chiarito i numerosi dubbi dei liberi professionisti riguardo questo tema: per ciò che concerne questo argomento, il Dottore ha specificato come l’aliquota per le operazioni sia quella normale; ha chiarito il fatto che la prestazione venga fatturata e che i crediti e i debiti dell’operazione andranno iscritti in bilancio.
Dopo questo intervento tecnico, il Notaio Remo Bassetti è intervenuto per parlare del concetto più ampio di moneta complementare e di come sia importante considerarla all’interno di un sistema più ampio e non come una realtà fine a se stessa.
Teresa Besostri, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Torino, ha enunciato gli aspetti cruciali, dal punto di vista deontologico, su cui l’Ordine sta ponendo la sua attenzione e che sono sostanzialmente quelli inerenti la pubblicità, l’accaparramento della clientela e l’indipendenza ed autonomia dell’avvocato nel recepire il mandato.
L’intervento del Presidente di VisioTrade Cristiano Bilucaglia è stato decisamente chiarificatore e, attraverso una dettagliata illustrazione dell’azienda, ha messo in luce i vantaggi e le opportunità che si possono ottenere aderendo al circuito dell’impresa; il Presidente ha mostrato come il numero di imprese e di transazioni all’interno del sistema stia raddoppiando di anno in anno (al 31/12/2013 le imprese erano circa 2.500 e le transazioni oltre 70.000, ndr) e la serietà e precisione con cui tutto viene gestito. Ha inoltre fatto riferimento ai nuovi progetti aziendali, innovativi e tecnologici.
A sostegno della moneta complementare è intervenuto Luca Fantacci, Professore della Facoltà Bocconi che ne ha elogiato il potere e l’ha identificata come un ottimo strumento per risaldare i legami che si sono persi durante la crisi e come ottimo modello di sistema di compensazione.
Infine, l’Avvocato Matteo del Giudice ha portato a testimonianza, attraverso dei video, numerose esperienze di moneta complementare e di baratto all’estero con particolare riferimento alla Svizzera che dal 1934 utilizza il modello di moneta complementare perfettamente integrato nel sistema economico.
E’ stata una giornata ricca, interessante e sicuramente esplicativa: è importante far conoscere modi alternativi per affrontare il mercato. Speriamo che l’intervento di VisioTrade abbia incuriosito e delucidato sugli aspetti più importanti di questo innovativo sistema di moneta complementare e baratto aziendale e sulla complessità che sta dietro un gesto cosi semplice.

GUARDA GALLERY SU FACEBOOK

Un commento

  1. Pingback: Sharing economy, Uber e Airbnb sotto la lente d’ingrandimento del fisco - VisioBlog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *