Ipotesi Grexit, se la moneta complementare fosse la soluzione?

Pubblicato il 26 giugno 2015
Condividi

Crisi dell'euro e dell'economia grecaChe le monete complementari siano la soluzione insperata al deficit crescente di liquidità lo rivela il loro rapido diffondersi con nomi e in territori diversi in Italia, dove la leadership spetta di diritto all’EuroCredito, la prima moneta complementare per aziende targata VisioTrade Spa.

La moneta complementare potrebbe essere una strada percorribile anche per la Grecia, stando a quanto divulgato da alcuni organi di stampa economici autorevoli. Il fenomeno viene letto dagli esperti come una sorta di ritorno al passato per le monete moderne. Una forma di positiva retrocessione dalle monete globali, come euro, dollaro e via dicendo. Gli economisti, fra l’altro sostengono a buon diritto che tutto ciò che viene impiegato come moneta è moneta in quanto tale, indipendentemente dal concetto classico della forma-moneta cui tutti siamo soliti far mentalmente riferimento nel momento stesso in cui si pensa a questo termine.

Nella fattispecie della Grecia, in cui la morsa del credito si associa ad altri fattori contingenti negativi quali l’incapacità e la palese fatica dello Stato nel liquidare i propri debiti, che genera a sua volta la carenza di risorse per la produzione industriale e consumi della gente, l’attuazione di sistemi di mutuo credito per imprese e privati, di stampo statale, potrebbe essere una luce al fondo del tunnel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *