Nuovo Divieto in Cina Per Proteggere l’Economia

Pubblicato il 5 settembre 2017
Condividi

Nuovo Divieto in Cina protegge l'economiaPioniera nel settore, la Cina rende illegali le ICO

Per analizzare il discorso bisogna rispondere prima a due domande fondamentali:

  • cosa sono le criptovalute?
  • cosa sono le ICO?

Cosa sono le criptovalute?

C’era la moneta d’oro e d’argento, poi è nata la moneta cartacea. Oggi la maggior parte delle monete sono digitali, sono nate svariate monete complementari come la nostra, e infine le criptovalute (i Bitcoin sono la prima e più famosa).

Queste ultime fanno parte del complesso mondo della blockchain, e in poche parole permettono di fare transazioni di qualunque entità, in tempi ridottissimi e per un costo esiguo, ma soprattutto in modo totalmente anonimo e senza alcuna autorità centrale.

La Cina, da pioniera di questo settore, ha comunicato di voler istituire una criptovaluta nazionale. L’intento a lungo termine è quello di sostituire la moneta attualmente circolante a favore di un sistema più sicuro.

Cosa sono le ICO?

In borsa è molto frequente il termine IPO (Initial Public Offer = Offerta Pubblica Iniziale) che sta a indicare l’entrata di un’azienda in borsa. Quel giorno il valore delle azioni tende a fluttuare fortemente a causa della forte speculazione sui titoli.

La conseguenza è una destabilizzazione del valore, che un giorno può essere altissimo e il giorno dopo ai minimi storici.

Le ICO (Initial Coin Offer = Offerta Monetaria Iniziale) sono la stessa cosa, ma invece di comprare azioni di un’azienda si comprano monete di una nuova criptovaluta, anch’essa soggetta a speculazioni e a potenziali crescite di valore.

Cina Bitcoin

Perchè la Cina ha abolito le ICO?

Le motivazioni essenzialmente sono tre:

  • la possibilità di distruggere il mercato

La Cina è una realtà molto chiusa e per questo molto più soggetta alle influenze esterne. Le criptovalute in questo caso sono da considerarsi tali, e abolirle diminuisce i rischi di gravi conseguenze macroeconomiche.

  • la concorrenza con la criptovaluta nazionale

Volendo istituire una criptovaluta nazionale le ICO rappresentano l’entrata sul mercato di un nuovo concorrente. Potendolo fare, il governo vuole replicare il monopolio monetario anche nel settore “cripto”.

  • la dispersione di valore

Con l’adozione di più criptomonete il valore di ciascuna avrà meno possibilità di crescere. Al contrario, concentrando l’attenzione su un’unica criptovaluta (quella nazionale appunto) il suo valore potrà crescere potenzialmente senza ostacoli e quindi aumentare il potere economico della Cina.

La Cina potrebbe con questa mossa assicurarsi un florido futuro economico, anche più probabile di quanto già oggi non lo sia, ma certi scenari sono impossibili da prevedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *