Sharing economy, Uber e Airbnb sotto la lente d’ingrandimento del fisco

Pubblicato il 11 settembre 2015
Condividi

Sharing economyLa sharing economy ha conquistato praticamente ogni settore dell’economia; questo fenomeno ovviamente non ha lasciato indifferente le agenzie fiscali di tutto il mondo.

Il giro d’affari è ormai considerevole (basti pensare agli introiti di due colossi come Uber e Airbnb) e il gettito derivante fa decisamente gola ai bilanci delle varie amministrazioni nazionali. Per questo motivo Australia, Spagna e Francia si sono già mosse in questa direzione.

Il principio guida è quello di equiparare i ricavi provenienti dalla sharing economy alle altre forme di reddito. Non sembra dunque sufficiente la decisione di Airbnb di farsi carico della tassa di soggiorno in diverse città in tutto il mondo: prima Amsterdam (il contributo dovrebbe aggirarsi attorno agli 80 centesimi di euro), poi Parigi, forse Firenze… Il sito di case e appartamenti però ci tiene a precisare che il suo ruolo resta quello di semplice intermediario per lo scambio di servizi tra soggetti privati, e non un’attività imprenditoriale di locazione di immobili.

Tuttavia resta un’importante criticità da risolvere: con l’avvento delle tecnologie digitali e delle applicazioni e della sharing economy, che hanno permesso lo sviluppo di migliaia nuovi business, il legislatore dovrebbe tenere il passo di queste iniziative e del loro tasso di innovazione. Quando questo non si verifica si creano delle discrepanze con le attività economiche tradizionali, che si trasforma in conflittualità.

Le soluzioni sono al momento due: o il Legislatore produce nuove norme ad hoc o si adattano le normative vigenti. Esattamente quello che è avvenuto con la moneta complementare; nel caso del corporate barter infatti si è deciso di assimilare le transazioni al contratto di permuta (‘art. 1552 codice civile).

Nel caso della sharing economy e derivati cosa accadrà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *